“Internazionale a Ferrara”: dall'1 al 3 ottobre il giornalismo diventa festival

03 Agosto 2021

Dall’1 al 3 ottobre 2021 ritorna l’appuntamento con “Internazionale a Ferrara”, il festival di giornalismo organizzato dal settimanale diretto da Giovanni De Mauro e dal Comune di Ferrara, che anche per la quindicesima edizione propone una formula pensata per conciliare il rispetto delle norme antiCovid e il desiderio di mantenere saldo il rapporto con i suoi frequentatori. In attesa del programma definitivo è possibile iscriversi ai workshop su giornalismo, traduzione, scrittura e fotografia che si terranno presso l’Università di Ferrara (per informazioni: workshop@internazionale.it).

GIORNALISMO
1, 2 e 3 ottobre 2021 dalle 10 alle 13: “Raccontare la crisi climatica”; con Stefano Liberti, giornalista. La crisi climatica è la più grande storia dei nostri tempi. Eppure, i mezzi d’informazione la trattano in modo episodico, come se riguardasse solo generazioni ancora non nate o aree remote del pianeta. Cos’è che impedisce una narrazione più diffusa, approfondita e legata al presente? Quali sono le tecniche, gli approcci, gli strumenti che un giornalista deve usare per raccontare correttamente l’emergenza ambientale e darle la centralità che merita?

SCRITTURA
1 e 3 ottobre 2021 dalle 10 alle 13, 2 ottobre 2021 dalle 14 alle 17: “-ismi fantastici e dove trovarli”; con Vera Gheno, sociolinguista e traduttrice. Negli ultimi anni si parla sempre più spesso di linguaggio inclusivo: che cos’è, perché ce n’è bisogno e a cosa ci può servire? Ecco un corso per identificare i vari -ismi che innervano la nostra società, partendo dai propri comportamenti (linguistici e non) quotidiani. Il presupposto degli incontri è che sia necessario stimolare le nostre competenze metalinguistiche per poter prima diventare consapevoli dei propri “abiti” linguistici, in modo da arrivare, poi, a un uso più responsabile dei mezzi di comunicazione a nostra disposizione, a cominciare dalla lingua.

TRADUZIONE
1, 2 e 3 ottobre 2021 dalle 10 alle 13: “Le lingue dei giornali”; con Bruna Tortorella, traduttrice. Bella e infedele o brutta e fedele? Lo storico dilemma della traduzione forse avrebbe un senso se si traducessero solo parole. Ma in realtà si trasportano (transducere) concetti da una lingua o una cultura a un’altra e la funzione comunicativa deve essere la stessa. I testi pubblicati sulle pagine di Internazionale sono il risultato di un lavoro di interpretazione, elaborazione e revisione per fare in modo che siano chiari e leggibili come lo sono (o a volte non lo sono) in originale. Sono testi molto diversi per linguaggio, registro e stile – notizie, racconti, viaggi, reportage, fumetti – e richiedono una certa elasticità, oltre che una buona cultura generale.

FOTOGRAFIA
1, 2 e 3 ottobre 2021 dalle 10 alle 13: “Il mestiere del fotogiornalista”; con Lorenzo Tugnoli, fotografo. Far evolvere il nostro modo di guardare e raccontare con onestà le storie che ci stanno a cuore rimane la priorità del lavoro di ogni fotografo, ma la realtà sul campo spesso è più complicata di quanto ci aspettiamo. Partendo dal lavoro del docente e attraverso la discussione dei lavori dei partecipanti il corso attraverserà i temi della pratica e dell’etica del fotogiornalismo e della costruzione di storie per immagini.

RADIO
1, 2 e 3 ottobre 2021 dalle 10 alle 13: “Un mondo organizzato a orecchio”; con Marino Sinibaldi, autore radiofonico. Radio, podcast e altre forme di prodotti audio hanno anzitutto questa caratteristica: rivolgersi a un nostro unico senso, l’udito. Come avevano già intuito i primi studiosi del mezzo, si tratta di immaginare e proporre un intero mondo organizzato perché venga sentito e ascoltato. Ogni idea di lavoro nel campo non può che partire da questo aspetto spesso sottovalutato. E non può non considerare la storia di questi prodotti e che spazio oggi hanno (o possono avere) nell’universo multimediale.

SCRITTURA
1, 2 e 3 ottobre 2021 dalle 10 alle 13: “Fare storie”; con Domenico Starnone, scrittore. Gogol diceva: datemi un piccolo accadimento, un aneddoto, una storiella e ve li trasformo in una commedia in cinque atti. Il corso proverà a individuare cosa occorre per passare dal disordine costitutivo delle nostre esperienze all’ordine (un qualsiasi ordine, anche quello che finge il disordine) della narrazione.

“Internazionale a Ferrara” è promosso dal settimanale “Internazionale” in collaborazione con: Comune di Ferrara, Regione Emilia-Romagna, Università degli studi di Ferrara, Città Teatro, Ferrara Terra e Acqua, Comune di Portomaggiore, ARCI Ferrara, Assessorato alla cultura nell’ambito del Progetto Polimero promosso da Arci Emilia-Romagna, EnERgie diffuse e associazione “IF”.