La lettura ha l'oro in bocca

19 Febbraio 2021

Parte venerdì 19 febbraio 2021 la trasmissione online dei video originali prodotti dalla Fondazione Campori e dal Comune di Soliera con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Carpi: otto appuntamenti dedicati ai piccoli utenti della Biblioteca “Campori Junior” e della Ludoteca “Ludò”, per i quali non possono essere organizzati eventi in presenza a causa delle misure di contrasto alla pandemia da Covid-19.

I video sono stati registrati al “Mulino”, il centro polifunzionale che a Soliera ospita i due servizi e che in questa fase resta aperto solo in modo parziale e per gruppi ristretti su prenotazione. Per vederli non è necessaria alcuna iscrizione: basta connettersi nel giorno e all’orario indicati nel programma.

Quattro degli appuntamenti sono curati dalla Biblioteca “Campori Junior” e vanno in onda sulla sua pagina Facebook in prima visione per tre sabati mattina, il 20 e il 27 febbraio, e il 6 marzo; in aggiunta, il 26 febbraio, è prevista una puntata speciale in occasione della “Notte dei Racconti 2021” ideata da “Reggionarra”. Il titolo dell’iniziativa è “La lettura ha l’oro in bocca”; il protagonista è Alfonso Cuccurullo, attore e narratore professionista, formatore nell’ambito del progetto nazionale “Nati per Leggere”, promotore di letture animate e percorsi di promozione alla lettura nelle biblioteche e scuole di tutta Italia. Due delle quattro letture sono rivolte a bambini dai 4 anni in su, le altre due ai bambini dai 6 anni in su.

Gli altri quattro video sono stati curati dalla Ludoteca “Ludò” e sono trasmessi sulla pagina Facebook della “Fiera di Soliera” il venerdì pomeriggio (il 19 e il 26 febbraio, il 5 e il 12 marzo). Le ludotecarie hanno preparato dei tutorial per coinvolgere a distanza bambini e famiglie nella realizzazione di idee creative. Uno dei filmati è dedicato al lato creativo della tecnologia, con un laboratorio STEM, acronimo che indica le discipline scientifiche, tecnologiche, ingegneristiche e matematiche.

Una volta trasmessi, i video rimangono disponibili sui canali web e social della Fondazione Campori.