Il "Maggio dei Libri" torna e parla d'"Amor"

19 Aprile 2021

Dal 23 aprile 2021, giornata mondiale UNESCO del libro e del diritto d’autore, e fino al 31 del mese successivo, torna Il Maggio dei Libri, la campagna nazionale ideata dal Centro per il libro e la lettura del Ministero della cultura che da un decennio invita a portare i libri e la lettura anche in contesti diversi da quelli tradizionali, per intercettare coloro che solitamente non leggono ma che possono essere incuriositi se stimolati nel modo giusto.

E torna con un’edizione speciale che fonde l’amore per la lettura con il settimo centenario della morte del Sommo Poeta, richiamando con un’unica parola – “Amor”, appunto – la centralità del sentimento nell’opera di Dante e il profondo legame che unisce ogni lettore ai libri a lui più cari. A dare corpo a questa dualità, l’immagine-manifesto di Vincenzo Del Vecchio, illustratore e visual artist, in cui Dante e Virgilio osservano rapiti un tappeto di nubi da cui si originano figure unite in un abbraccio.

Enti locali, scuole, biblioteche, librerie, festival, editori, associazioni culturali e i più diversi soggetti pubblici e privati possono contribuire organizzando iniziative che si svolgano, in presenza e in digitale, fra il 23 aprile e il 31 maggio, e registrandole nella banca dati della campagna, suddivisa per regioni, tra cui l’Emilia-Romagna.

Le iniziative possono essere declinate secondo tre possibili filoni “danteschi”: “Amor… ch’a nullo amato amar perdona”, dedicato all’amore nella sua più ampia accezione quando si accompagna ai sentimenti di empatia e solidarietà; “Amor… che ne la mente mi ragiona”, legato all’intelletto e fonte di curiosità e desiderio di conoscenza; “Amor… che move il sole e l’altre stelle”, pensato per abbracciare temi e riflessioni di natura diversa, ampi come la portata del sentimento che le anima. Tre celebri citazioni dantesche, a cui si accompagnano altrettante bibliografie tematiche, divise per genere e fascia d’età e ricche di spunti.

Il “Maggio dei Libri” è un’iniziativa del Centro per il libro e la lettura (Ministero della cultura), con l’intervento di Ministero degli affari esteri e della cooperazione internazionale, Ministero dell’istruzione, e la partecipazione dell’Associazione nazionale comuni italiani e della Conferenza delle regioni e delle province autonome, con il patrocinio del Comitato nazionale per la celebrazione dei 700 anni dalla morte di Dante Alighieri e la collaborazione dell’Istituto poligrafico e Zecca dello Stato, del Fondo ambiente italiano e dell’Associazione delle istituzioni di cultura italiane.