Votes for Women! Santarcangelo per le Donne

08 Marzo 2021

“Votes for Women! Santarcangelo per le Donne” è la rassegna che da sei anni il Comune di Santarcangelo di Romagna e FoCuS – Fondazione Culture Santarcangelo dedicano alle donne attivamente impegnate nella cultura e nella società. L’edizione 2021,  coordinata da Chiara Cretella per l’associazione culturale “Dry-Art”, prevede una serie di incontri online con approfondimenti tematici legati alla pandemia in corso, che ha reso più evidenti le problematiche legate alla disparità di genere: si parlerà quindi di lavoro e precariato, violenza e femminicidio, ma anche di stereotipi di genere e infanzia, guerra e Resistenza.

Il primo appuntamento in calendario è alle ore 18 di lunedì 8 marzo: in occasione della “Giornata internazionale della donna”, sul canale YouTube di FoCuS sarà trasmesso il documentario sulle azioni “invisibili” realizzate nell’ambito di “Sisterhood_Opera d’ascolto”, il progetto realizzato da Teatro Patalò lo scorso novembre per la “Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne”. A seguire, alle ore 19, sul canale Soundcloud di Teatro Patalò sarà trasmessa l’opera audio completa del progetto, in cui undici artiste interpretano i testi di alcune autrici fondamentali per riflettere sulla rimozione delle donne nel tessuto culturale e sulla violenza quotidiana.

Nelle settimane successive sono in programma altri quattro incontri coordinati da Chiara Cretella, con la partecipazione di Pamela Fussi, vicesindaca e assessora alle Pari opportunità del Comune di Santarcangelo. Gli incontri si svolgeranno sempre alle ore 18 e saranno visibili in diretta sulle pagine Facebook di “DryArt” e del Comune di Santarcangelo.
Il 12 marzo si parlerà di donne e precariato con Eloisa Betti, storica dell’università di Bologna. Il 26 marzo il tema saranno i femminicidi, affrontati dal punto di vista delle famiglie delle vittime insieme alla fotografa Stefania Prandi, con la partecipazione di Isadora Angelini di Teatro Patalò. Il 16 aprile si affronteranno le tematiche legate agli stereotipi di genere e infanzia, con la scrittrice e attivista Serena Ballista. La rassegna si conclude il 23 aprile con l’incontro su donne e guerra in Emilia-Romagna, con la storica dell’Università di Bologna Cinzia Venturoli e Giusi Delvecchio, presidente della sezione riminese dell’Associazione nazionale partigiani d’Italia.

Il nuovo logo di “Votes for Women” è stato realizzato dalla street artist Gio Pistone, che è anche l’autrice dell’immagine-simbolo di questa edizione, ispirata alla dea Diana, archetipo femminile della forza necessaria nella lotta per la realizzazione e l’indipendenza.